sabato 12 novembre 2016

Cadute

e muore la poesia quando il corpo assiderato annega ad occhi aperti

- ondate alterne scandiscono il ritmo delle giostra -

vorresti scendere

-chè a te le giostre non sono mai piaciute-

 invece resti;

resti a guardarti cadere,again.


7 commenti:

  1. L'autunno, l'autunno, il fottuto autunno!

    RispondiElimina
  2. Ché poi c'è del bello pure in queste "discese ardite e nelle risalite". C'è la bellezza che nasce dal dolore. E la certezza che nelle altalene e giostre senza senso devi cercare il tuo baricentro, soprattutto se vuoi restarci sopra.
    Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chè sei bella *________* Provare ad essere come Philippe Petit, me lo riprometto questo

      Elimina
  3. Ma io vorrei sapere. Come stai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A tratti respiro e sorrido, a tratti meno

      Elimina
    2. Lo leggo.
      Nell'ultimo post.
      Ti abbraccio...

      Elimina