giovedì 5 marzo 2015

Non gioco più, me ne vado


"Strana cosa che per capire il prossimo ci tocchi fuggirlo. E i discorsi più veri sono quelli che facciamo per caso, tra sconosciuti."
Cesare Pavese


Si. Perchè è così e basta. 

E basta anche con la declinazione del presente indicativo del verbo fuggire : io fuggo,tu fuggi...tutti fuggono 

che alla fine ti resterebbe solo il fiato per spedire a quel paese  il fuggitivo (che tanto poi non ce lo spedisci mica,non lo sai fare)

Eppure, più gente "grande" conosco, più li vedo regrediti all'era del giochi;il primo fra tutti l'acchiapparella 

Eppure, è dai cosìddetti "grandi" che mi aspetterei la franchezza di dire : sai com'è sono un cazzone a cui va di divertirmi ancora perchè sono il classico clichè del 30enne con la sindrome di Peter Pan

allora uno si mette l'anima in pace e amen

Troppo impegnati ad adularsi e farsi adulare

Ergo Livia cara, non ci rimanere male...sù impara una buona volta a fregartene.





PS . Dopo lo sfogo stupido, una bella notizia :prossimo week-end vò a Firenze con due amiche

 (Firenze. Una di quelle poesie che sento mie.)




13 commenti:

  1. Ti auguro un Boboli assolato... ;)

    RispondiElimina
  2. la soluzione è semplice. basta 30enni. ;-D

    RispondiElimina
  3. Quando sarai nella mia Firenze, esattamente? Se arrivassi prima di venerdì, ti proporrei un caffè prima della mia partenza per la Francia.
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eva bella arrivo sabato e parto lunedì :/ ma che bel pensiero :D (non mancherà occasione di sicuro , perchè Firenze non mi stancherò mai di visitarla)

      Elimina
    2. Ecco. Perché devo esserci pur io... :)

      Elimina
    3. E allora io ci butto lì un week end all inclusive. Consideratevi mie ospiti questa estate nella mia splendida casetta senese. Se le cose si fanno, si devono far bene :*

      Elimina
  4. lo so bene che alla tua età o anche più è pieno di imbecilli. ma tu cosa cerchi in un uomo ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frà...la volontà di esserci un giorno sì e l'altro pure.

      Elimina
  5. Quanto sono vere le parole di Pavese.
    E quanta verità c'è nei discorsi tra sconosciuti...
    Un abbraccio

    RispondiElimina